Colloquio con un funzionario CBP: Queste sono le esperienze dei lettori

Petr Novák

Al primo aeroporto degli Stati Uniti, i viaggiatori devono completare un colloquio di ingresso negli Stati Uniti con un funzionario dell’immigrazione. Non importa se sta viaggiando con un visto o un Registrazione di viaggio ESTA. Nella maggior parte dei casi, il colloquio si conclude con un permesso d’ingresso. Nella discussione che segue, troverà esperienze autentiche e approfondimenti dei lettori sul processo di colloquio di immigrazione.

Colloquio di ingresso negli USA

Indice dei contenuti
  1. La tua esperienza con il colloquio di immigrazione negli USA
  2. Thomas, 3 novembre 2022
  3. Romano, 2 giugno 2021
  4. Tonda, 20 febbraio 2020
  5. Jirka, 30 agosto 2019
  6. René, 24 giugno 2019
  7. Jirka, 24 maggio 2018
  8. Tomas, 19 maggio 2018
  9. Ivana, 18 maggio 2018
  10. Lucie, 8 aprile 2018

La tua esperienza con il colloquio di immigrazione negli USA

Sono molto grato a tutti coloro che hanno avuto esperienze con il colloquio di ammissione negli Stati Uniti. Sentiti libero di postarle nei commenti sotto l’articolo, assicurandoti di includere l’aeroporto e la data in cui si è svolto il colloquio.

Per informazioni sul processo di colloquio, sulle domande da porre e altri consigli, consulta il controllo dell’immigrazione negli USA.

I commenti dei lettori qui sotto non sono stati modificati; il testo non riflette l’opinione del gestore del sito. 😊

  1. Thomas, 3 novembre 2022

    “Salve, ho viaggiato negli Stati Uniti innumerevoli volte (si stima 20 volte). Il colloquio di ingresso varia da aeroporto ad aeroporto. Consiglio a tutti: se non hai intenzioni illecite e hai intenzione di fare negli USA quello che hai dichiarato sull’ESTA, ti faranno sempre entrare.

    Ai viaggiatori che non conoscono bene l’inglese o che sono scoraggiati da una barriera linguistica: non preoccuparti. Gli asiatici che non conoscono la lingua vanno a trovare i parenti, ad esempio, e passano anche loro. A volte i funzionari della dogana scherzano con te, ti danno consigli di viaggio o ti chiedono informazioni sul tuo lavoro e sulla tua famiglia.

    Le persone che vengono selezionate per un’ispezione supplementare sono scelte in base a criteri come l’ultimo paese visitato o alcune caratteristiche interne di rischio. Se soddisfi questi criteri, sei sfortunato. Ma anche questo può essere gestito.

    Ho anche una spiacevole esperienza personale di ingresso negli Stati Uniti. Stavo attraversando il confine dal Canada per rientrare negli Stati Uniti. Abbiamo percorso una bellissima strada di campagna che terminava con l’attraversamento degli Stati Uniti. Il funzionario della dogana o dell’ICE mi ha chiesto cosa ci facessi lì. Ho iniziato a dirgli cos’altro volevo vedere negli Stati Uniti (saremmo tornati a casa da NYC tra pochi giorni), ma lui mi ha chiesto perché mi trovavo in quel posto in particolare.

    Gli ho detto che volevo entrare negli Stati Uniti. Mi ha chiesto perché non stavo guidando sull’autostrada. Gli ho detto la verità, che stavo fotografando il paesaggio e i ponti coperti e che se per me era un problema attraversare il confine qui, sarei andato ovunque mi avesse indicato. Questo lo ha infastidito abbastanza da farci passare un’altra mezz’ora. Durante un interrogatorio molto scomodo, è importante mantenere la calma e rispondere in modo sincero. Alla fine mi ha confiscato il pane e il burro, dove avevamo ancora dei peperoni per fare uno spuntino (da non trasportare), e abbiamo potuto proseguire.

    È stato spiacevole ma non mi ha scoraggiato dal viaggiare. Il doganiere tecnicamente non ha fatto nulla di male. Probabilmente era un abitante del posto, quindi ha visto in me uno straniero come una potenziale minaccia. Auguro a tutti la migliore fortuna con le persone”.

  2. Romano, 2 giugno 2021

    “Giugno 2019, volo da Praga a Chicago, ESTA, soggiorno di 89 giorni.
    Sceso dall’aereo, sono stato indirizzato a uno sportello tradizionale dove mi hanno preso le impronte digitali.

    Un paio di domande veloci e tutto è andato bene. Tuttavia, l’impiegato non è riuscito a prendere l’impronta del mio pollice destro e, dopo circa 6 minuti di tentativi, ha borbottato: “Che diavolo ti prende, amico?” e mi ha detto di farmi da parte e aspettare. Non so ancora se si trattava di un’esercitazione preordinata o se davvero non riusciva a prendere l’impronta. Dopo qualche minuto, un agente si avvicinò e fui portato in una stanza laterale dove stavano aspettando altre 30 persone.

    Io, essendo un ragazzo bianco di Kladno, ero piuttosto spaventato. Dopo un’ora di attesa (nessuno mi ha detto nulla), ho tirato fuori il telefono per informare il mio amico che forse non sarei riuscito a prendere la coincidenza. Tuttavia, 10 secondi dopo aver tirato fuori il telefono, un poliziotto mi ha intimato di metterlo subito via, affermando che l’uso del telefono non era consentito in quel luogo.

    Dopo un’altra ora è arrivato un agente, mi ha portato in un ufficio secondario e ha iniziato un colloquio di circa 15 minuti con le domande standard.

    Mi ha chiesto i miei piani di viaggio, l’occupazione nella Repubblica Ceca, chi ha pagato il mio viaggio, dove avrei alloggiato, quanti soldi avevo e quanto c’era sulla mia carta. Poi mi ha chiesto di sbloccare il mio telefono e di lasciarglielo. Altri 15 minuti dopo, la stessa serie di domande (credo che stesse cercando di cogliermi in fallo). Alla fine mi ha restituito il telefono con la scritta “Ricorda, negli Stati Uniti non c’è lavoro, solo turismo”. Poi mi hanno congedato. In seguito, una gentile signora mi stava aspettando con dei biglietti di riserva. Alla fine è andato tutto bene. Ma non credo che la prossima volta passerò da Chicago, per sicurezza”.

  3. Tonda, 20 febbraio 2020

    “Condivido la mia esperienza di colloquio di febbraio 2020 a LAX. Dopo essere arrivati e aver fatto la fila per circa 30 minuti, siamo arrivati ai chioschi (seconda volta con l’ESTA).

    Dopo aver compilato i dati del CBP, aver scattato una foto e aver preso le impronte digitali, il sistema ha stampato i nostri pass e abbiamo aspettato altri 30 minuti in fila. Alla fine della fila c’erano solo tre addetti. Osservando il lungo processo delle persone davanti a me, ero un po’ preoccupato.

    Quando arrivò il nostro turno, andammo tre alla volta. Gli ho semplicemente consegnato tre pass e tre biglietti dal chiosco. Li ha guardati per circa 10 secondi, non ci ha fatto domande, ha messo dei timbri sui biglietti (non li ha messi nei passaporti e ha tenuto i biglietti) e ci ha augurato una buona vacanza. È stato sorprendentemente semplice. Quindi, anche in questo caso, è andato tutto bene”.

  4. Jirka, 30 agosto 2019

    “Lo scorso dicembre sono stato a New York con mia moglie e mia figlia per 5 giorni. Il colloquio di immigrazione si è svolto al JFK ed è terminato prima ancora che potessi capire che si trattava di un colloquio di immigrazione. All’ingresso di una sala c’era già un addetto dell’aeroporto che dirigeva, divideva, metteva fretta, guidava, … assicurandosi che non ci fosse congestione.

    Nel giro di 10 minuti mi sono trovato di fronte a un funzionario in uniforme che mi ha chiesto quanti soldi avevo, quanto tempo sarei rimasto, dove avrei alloggiato e se era la mia prima volta. Alla fine, mi ha chiesto di mettere le dita sullo scanner e il viso verso lo scanner. Tutto qui. Cinque minuti dopo eravamo seduti in un Uber e altri 40 minuti dopo stavamo facendo il check-in in un AirBnB a Bushwick”.

  5. René, 24 giugno 2019

    “Salve, abbiamo volato da Vienna a Los Angeles il 27 maggio 2019, per un viaggio di tre settimane nei parchi. Non abbiamo compilato il modulo di dichiarazione doganale in aereo. All’aeroporto ci sono dei chioschi dove si scansiona il passaporto, si prendono le impronte digitali e si scatta una foto. Devi rispondere ad alcune domande del tipo Sì/No (vorrei tanto ricordare cosa ti hanno chiesto…).

    Tuttavia, ce n’erano circa cinque. Se sei una coppia sposata, puoi utilizzare un solo chiosco (l’organizzatore dei chioschi lo incoraggia direttamente). Sebbene fossimo in tre, la mia amica ha dovuto utilizzare un chiosco separato. I passaporti e le impronte digitali vengono scannerizzati separatamente per ogni persona. In caso di problemi, è disponibile un’utile assistenza. Si stampa un documento dal chiosco e lo si presenta all’ufficiale dell’immigrazione. Poi la coppia si è riunita.

    L’agente prende di nuovo le impronte digitali e le foto. Ci ha chiesto solo i nostri progetti negli Stati Uniti. Poi abbiamo proceduto al controllo delle valigie (raggi X) e ci è stato chiesto se avevamo del cibo (soprattutto carne e verdure). Ci ha mostrato delle foto per verificare se ne avessimo con noi. Non ha menzionato affatto gli articoli secchi (come barrette, cioccolatini, ecc.). Oh, e hanno voluto vedere il nostro ESTA all’aeroporto di Vienna quando abbiamo fatto il check-in dei bagagli”.

  6. Jirka, 24 maggio 2018

    “Prima del mio viaggio negli Stati Uniti ho letto numerosi articoli e discussioni. Ero piuttosto preoccupato per il colloquio, ecc. Tuttavia, sono tornato ieri e devo dire che le mie preoccupazioni non erano necessarie.

    In generale, sono rimasto piacevolmente sorpreso dalla disponibilità delle persone negli Stati Uniti e dalla cortesia di tutti coloro che abbiamo incontrato, compresi gli autisti. Lo stesso vale per i funzionari dell’immigrazione: non abbiamo avuto problemi. Sono rimasto un po’ sorpreso dal fatto che volesse un certificato di alloggio stampato. Mi è capitato di averne uno, ma non credo sia obbligatorio. Pertanto, ti consiglio di stamparlo, a meno che tu non sappia già dove alloggerai.

    Ho mostrato loro il primo alloggio che avevo prenotato tramite Airbnb, dato che avevo organizzato il resto mentre ero negli Stati Uniti. Poi mi hanno chiesto di vedere i contanti, la carta di credito, mi hanno scattato una foto, hanno scansionato il mio dito e il gioco è fatto. Dal momento in cui siamo scesi dall’aereo a quando abbiamo finito, ci sono voluti solo 10 minuti. Forse siamo stati fortunati perché non era in arrivo un altro aereo, ma erano passate da poco le 14:00, quindi mi ha sorpreso che non ci fosse nessuno. Godetevi la vostra vacanza e non preoccupatevi… nessuno sarà severo con voi.

    PS: la mia conoscenza dell’inglese è piuttosto elementare e per lo più non è stato un problema. Se si presentava una questione più complicata, mia figlia interveniva per aiutarmi”.

  7. Tomas, 19 maggio 2018

    “Sono immigrato di recente a Los Angeles con mia moglie: Per prima cosa il personale ci ha consegnato un piccolo modulo cartaceo mentre eravamo ancora nel corridoio degli arrivi, che abbiamo compilato insieme.

    Poi, tutti sono stati indirizzati a un chiosco elettronico con uno schermo (ognuno compila individualmente – alcune domande sì-no, foto automatica, impronte digitali) – è stato stampato una specie di biglietto (per entrambi con una grande croce), poi abbiamo dovuto aspettare in fila per circa un’ora e mezza (un numero incredibile di asiatici ovunque), quindi abbiamo proceduto all’immigrazione. L’ufficiale è stato piuttosto rilassato, ha voluto vedere il modulo cartaceo e il biglietto e ci ha fatto alcune domande: dove stavamo andando, dove avremmo alloggiato la prima notte, quali erano le nostre professioni e quanto denaro avevamo, e poi ci ha scattato un’altra foto e le impronte digitali.

    Ha segnato il biglietto e lo abbiamo consegnato a un altro funzionario poco prima dell’uscita, dopo aver ritirato i bagagli”.

  8. Ivana, 18 maggio 2018

    Salve, ho un’esperienza molto recente. Io e la mia amica ci siamo avvicinate insieme all’ufficiale dell’immigrazione al JFK di New York e nessuno ha tentato di fermarci. Davanti a noi c’era un gruppo di circa cinque persone che camminavano insieme (non erano parenti), quindi credo che dipenda dall’agente. Il mio amico non parla inglese e io ne parlo solo un po’. In sostanza, non ci hanno chiesto nulla. Ci ha solo chiesto quando saremmo tornati e ci ha dato un timbro valido per 90 giorni.

  9. Lucie, 8 aprile 2018

    “Nel 2015 ho visitato gli Stati Uniti per la prima volta e sono arrivata a New York via JFK. Il colloquio si è svolto senza problemi; il funzionario ha assistito me e il mio ragazzo contemporaneamente, ma ho dovuto convincerlo perché solo i membri della famiglia o i coniugi sono ammessi insieme.

    Nel 2017 siamo andati a Los Angeles con sei persone. Inizialmente io e il mio ragazzo eravamo spaventati dalla biglietteria automatica perché gli altri avevano una croce sulla foto e noi no (o era il contrario? non ricordo bene). Io e il mio compagno siamo andati insieme al check-in, dove ci hanno fatto le solite domande: perché eravamo lì, quanto tempo saremmo rimasti, dove saremmo andati. Per fortuna avevo stampato i documenti degli hotel, dell’auto e del biglietto di ritorno, che ho presentato subito al funzionario e siamo usciti in un attimo :)

    Finora nessuno mi ha fatto domande sul mio lavoro o sulla mia occupazione. Tra pochi giorni prenderemo un altro volo, questa volta per Chicago, e spero che il viaggio sia ancora una volta tranquillo”.

Contribuisca con la sua domanda o esperienza personale

Aggiungi un commento

La prego di leggere l'articolo e i commenti precedenti prima di porre domande. Esamino personalmente tutti i nuovi commenti e rimuovo prontamente qualsiasi pubblicità, spam o contenuto offensivo.

Noleggio auto più economico negli Stati Uniti