Colloquio di immigrazione negli USA: come funziona e cosa dire al funzionario

Petr Novák

Il colloquio di ingresso negli Stati Uniti con un funzionario della Customs and Border Protection (CBP) è obbligatorio per tutti i cittadini stranieri. Non importa se sono entrati nel Paese con un ESTA o un visto. Il colloquio dura in genere non più di cinque minuti e si svolge nel primo aeroporto statunitense in cui atterra. In questo articolo scoprirà come funziona il colloquio e le domande che il funzionario dell’immigrazione solitamente pone.

Controllo immigrazione negli USA | © Petr Novák

Indice dei contenuti
  1. Consigli di base per il colloquio di ingresso negli USA
  2. Cosa chiede il funzionario dell’immigrazione USA
  3. Cosa succede dopo il colloquio di ammissione negli USA
  4. Domande frequenti sul colloquio di immigrazione negli Stati Uniti

Consigli di base per il colloquio di ingresso negli USA

Il colloquio di ingresso viene effettuato nel primo aeroporto degli Stati Uniti prima del controllo doganale. Ad esempio, se stai volando sulla rotta Parigi – New York – Dallas, sarai intervistato a New York.

Il colloquio ha lo scopo di impedire l’ingresso nel Paese a persone sospettate di voler lavorare illegalmente negli Stati Uniti o di svolgere altre attività disapprovate dal governo americano. La regola fondamentale dei colloqui sull’immigrazione è: Dire la verità.

Potresti passare decine di minuti in attesa di un colloquio di immigrazione. Puoi scoprire la durata effettiva della fila sul sito Customs and Border Protection. Puoi aiutarti ad arrivare in testa alla fila chiedendo un posto nella parte anteriore dell’aereo al momento del check-in. In alcuni aeroporti puoi scegliere l’intervistatore, mentre in altri te ne viene assegnato uno.

Avvicinati all’agente con il sorriso sulle labbra e sii cordiale. Il nervosismo non è necessario e potrebbe destare sospetti. Non c’è bisogno di essere stressati. Il colloquio di solito si svolge in un’atmosfera abbastanza rilassata. Ad esempio, una volta un funzionario dell’immigrazione mi ha chiesto, con una faccia apparentemente seria, se avevo intenzione di catturare Pokémon negli Stati Uniti.

Consegna al funzionario un passaporto e un modulo doganale compilato sull’aereo.

Cosa chiede il funzionario dell’immigrazione USA

Le domande che vengono poste durante il colloquio di ingresso negli Stati Uniti sono in genere le stesse. Non si tratta di un interrogatorio: l’ufficiale deve solo determinare lo scopo del tuo viaggio negli Stati Uniti. Rispondi in inglese:

1️⃣ Qual è lo scopo del tuo viaggio?

Sono un turista, voglio viaggiare per gli Stati Uniti.

2️⃣ Dove soggiornerai negli Stati Uniti?

Ho prenotato una camera in un motel Travelodge Hollywood.

3️⃣ Conosci qualcuno negli Stati Uniti, hai parenti qui?

Non ho parenti qui e non conosco nessuno negli Stati Uniti.

4️⃣ Qual è la tua occupazione?

Sono un rappresentante di vendita per ABC a Parigi. Vendiamo abbigliamento sportivo.

5️⃣ Quando tornerai in Francia, hai comprato un biglietto di ritorno?

Ho un biglietto di ritorno, parto sabato prossimo.

6️⃣ Quanti soldi hai con te, hai una carta di credito?

Ho 100 dollari in contanti e molto di più sul mio conto corrente.

7️⃣ Quante volte sei stato negli USA?

Sono stato diverse volte a New York, Los Angeles e alle Hawaii.

8️⃣ Quali sono i tuoi piani per gli USA?

Sto pianificando un viaggio in auto a San Francisco. Mi interessano soprattutto i parchi nazionali.

Cosa succede dopo il colloquio di ammissione negli USA

Dopo averti fatto una serie di domande, il funzionario ti scatterà una foto e ti prenderà le impronte digitali. Se tutto è in ordine, l’ufficiale apporrà un timbro d’ingresso sul tuo passaporto e potrai andare a ritirare i tuoi bagagli. Le persone sospette vengono sottoposte a un’intervista più approfondita (Ispezione Secondaria) oppure vengono riportate immediatamente a casa.

Se non stai volando negli Stati Uniti con un visto, assicurati di completare tempestivamente la registrazione ESTA.

  • Leggi le esperienze dei lettori con il processo di colloquio di ingresso negli USA.
  • Guarda un video del processo di screening per l’ingresso negli USA.

Domande frequenti sul colloquio di immigrazione negli Stati Uniti

Vado negli Stati Uniti con la mia famiglia/amici. Possiamo partecipare al colloquio di immigrazione insieme?

Chiede all’agente di intervistarti contemporaneamente. In genere questo non è un problema.

In quale aeroporto si svolgerà il colloquio di immigrazione per gli Stati Uniti?

Il colloquio si svolge sempre nel primo aeroporto degli Stati Uniti. Se il tuo volo da Londra a San Diego passa per Los Angeles, il colloquio si svolgerà a Los Angeles.

Devo sostenere un colloquio di ingresso negli Stati Uniti se sto solo cambiando aereo in aeroporto?

Sì. Anche se si tratta di un semplice trasferimento su un altro volo negli Stati Uniti, è necessario sottoporsi all’intervista.

Non parlo inglese. Come devo affrontare il colloquio di ammissione negli Stati Uniti?

Non preoccuparti, molte persone si trovano ad affrontare questa situazione. Il consiglio più valido è: Chiedi assistenza a qualcuno che parli inglese e annota insieme le risposte alle domande. Includi una nota in cui dichiari di non parlare inglese, stampa il foglio e presentalo al funzionario dell’immigrazione durante il colloquio. E, come minimo, impara a salutare in inglese. :-)

Qual è il tempo minimo che devo prevedere per un trasferimento se ho un colloquio di immigrazione negli Stati Uniti?

Il tempo varia a seconda delle dimensioni dell’aeroporto, della necessità di cambiare terminal e della lunghezza della fila per l’immigrazione. Il tempo minimo in un aeroporto più piccolo è di circa 1 ora. Tuttavia, in un aeroporto di grandi dimensioni, dove potresti fare la fila e cambiare terminal, anche 2 ore potrebbero non essere sufficienti. Il trasferimento può essere accelerato se viaggi con il solo bagaglio a mano.

Se non supero il colloquio e mi rimandano a casa, chi mi paga il biglietto?

La compagnia aerea con cui hai volato negli Stati Uniti copre il tuo biglietto di ritorno al punto di partenza. Per questo motivo, alcune compagnie aeree impiegano un agente di sicurezza per condurre interviste preliminari negli aeroporti ad alto rischio. Questa pratica è comune, ad esempio, ad Amsterdam.

Se ti viene negato l’ingresso negli Stati Uniti, non avrai diritto al rimborso del biglietto, dell’alloggio o di altre spese.

Devo mostrare all’immigrazione una registrazione stampata approvata dall’ESTA?

No, il funzionario dell’immigrazione può vedere il tuo stato nel sistema. Tuttavia, alcune compagnie aeree richiedono un modulo ESTA approvato ESTA. Ti consiglio di fare uno screenshot del tuo numero di registrazione, di inviartelo via e-mail e di salvarlo sul tuo cellulare.

Non ho un biglietto di ritorno dagli Stati Uniti a casa. Questo sarà importante durante il colloquio di immigrazione?

Non significa automaticamente che ti verrà negato l’ingresso negli Stati Uniti. Tuttavia, sii pronto a rispondere alle domande su quando e come pensi di tornare a casa.

Discussione (1)

Ragazzi, o Peter, siete stati negli Stati Uniti di recente? Ho paura dell’immigrazione, sono disoccupato, ho paura di essere rimandato indietro…

Odpovědět

Contribuisca con la sua domanda o esperienza personale

Aggiungi un commento

La prego di leggere l'articolo e i commenti precedenti prima di porre domande. Esamino personalmente tutti i nuovi commenti e rimuovo prontamente qualsiasi pubblicità, spam o contenuto offensivo.

Noleggio auto più economico negli Stati Uniti